BLADE

luogo: Cannobbio, Svizzera
superficie edificata: 2047 mq
data: 2017- previsione di consegna 2020

riconoscimenti
architetto: Mino Caggiula
capo progetto: Elisa Beretta, Thomas Giuliani
team di progettazione: Diego Compagno, Andrea de Vittori

L’ispirazione per il progetto è avvenuta attraverso l’esperienza vissuta all’interno delle opere dell’artista americano Richard Serra, conosciuto per il fatto di creare opere d’arte con fogli di metallo che possono anche essere definiti dei Landmark.

L’intervento architettonico è audace e cerca un’armonia nella relazione con lo spazio e il paesaggio circostante senza deturparlo; attraverso giochi di tensione di forme ed inserimento del verde. Per raggiungere questo obbiettivo, lame di acciaio corten curvate vengono posizionate in modo da scavalcare il bosco a sud e direzionare le unità e la vista verso il lago. Il raggio della curvatura è calcolato in modo che la freccia della corda interna del cerchio non superi 1mm ogni metro lineare, rendendo così gli spazi interni arredabili e ritornando a una scala umana, proprio come il dualismo presente nelle sculture di Serra.

Data la pendenza, sono stati creati due blocchi distinti per garantire ulteriormente la vista lago alle proprietà che sono divise da un sistema di lame principali e secondarie, per una suddivisione subordinata interna alle unità. L’inserimento del verde segue il concetto della High Line Newyorchese che invade la pavimentazione come con un graffio seguendo la logica delle lame, trasmutata nel nostro caso sia orizzontalmente che verticalmente e fungendo così contemporaneamente da separazione e legame.