PAGURO

luogo: Lugano, Svizzera
superficie edificata: 1971 mq
data: 2011 – 2014

riconoscimenti
architetto: Mino Caggiula
capo progetto: Giacomo Bronzini
team di progettazione: Alberto Bernasconi, Pier Luca Carubia, Francesco Magni

Il concetto progettuale nasce attraverso il confronto con un edificio d’inizio Novecento non vincolato e porta alla formulazione di un approccio nei confronti di un’eredità architettonica e culturale dove il principio non è imitare la preesistenza, in quanto risulterebbe in una copia e quindi un falso, bensì rappresentare formalmente il trascorrere del tempo.

L’intervento architettonico con la similitudine metaforica del paguro, per il quale la naturale crescita obbliga ad un cambiamento, fornisce l’abitazione di un nuovo guscio, un momento di crescita. Il nuovo guscio viene posizionato in modo da ottimizzare l’orientamento delle vetrate verso Sud, e proteggere la preesistenza da una delle strade più trafficate di Lugano a Ovest, aprendosi verso una zona residenziale e tranquilla. Lo stabile preesistente viene quindi tagliato a metà e la congiunzione con il volume nuovo avviene esteriormente attraverso una linea retta, perfettamente allineata sull’asse Nord-Sud, che rappresenta un punto d’incontro tra passato e presente; mentre all’interno questo passaggio è più fluido attraverso un interessante scambio planivolumetrico tra preesistenza ed innovazione.