PARADISO

luogo: : Lugano – Paradiso, Svizzera
superficie edificata: 740 mq
data: 2020

architetto: Mino Caggiula
project manager: Pierluca Carubia
capo progettazione: Davide Carone

I viadotti sono opere di ingegneria caratterizzate da una successione di parecchie luci, con strutture sia ad arco sia a travata, mediante le quali una strada ordinaria o ferrata è in grado di superare ostacoli territoriali. Con ammirevole creatività e padronanza tecnica, il mondo degli antichi romani fu il primo ad adottare il sistema costruttivo dell’arco, declinandolo e utilizzandolo come elemento che scandisce strutture del “genio” in grado di percorrere grandi distanze, dando forma agli acquedotti come primi viadotti ancora oggi ammirabili.

L’idea progettuale esaudisce una peculiare e precisa richiesta della committenza, ossia di poter avere un edificio che nel suo aspetto abbia il richiamo di un elemento classico.

Da qui il rapporto tra le richieste della committenza ed il luogo, da cui scaturisce il concetto metaprogettuale che riprende il presupposto e la particolare vicinanza con il tracciato del viadotto della Funicolare del S. Salvatore.

L’elemento archetipico dell’arco, utilizzato storicamente nella costruzione dei viadotti, viene così reinterpretato in chiave contemporanea nella struttura e nell’aspetto formale dell’intervento architettonico.